Azimut Riabilitazione
Chi Siamo
Il metodo azimut
 
News

21 novembre ore 18.30: ORTHO SPRITZ Riab "Patello femoral pain syndrome"

Il 21 novembre 2018 dalle 18.30 Azimut Riabilitazione ha organizzato, con il patrocinio Sigascot, presso l'Auditorium della Casa di Cura Privata del Policlinico un Ortho Spritz sul tema: Patello femoral pain syndrome.
Si tratta di una definizione che comprende diverse condizioni patologiche, molteplici cause e un unico risultato: dolore al ginocchio. Tale sindrome è di estrema rilevanza nel mondo ortopedico e riabilitativo.
Definire quale sia il corretto trattamento della patologia femoro-rotulea è da sempre un banco di prova tra i più complessi da affrontare sia per la classe medica e sia per i fisioterapisti.
In questo incontro cercheremo di chiarire i vari aspetti che riguardano il suo inquadramento, l’eziologia, la diagnosi e il trattamento nonché delle possibilità terapeutiche a nostra disposizione.
Il programma della serata prevede: 
SALUTO AI PARTECIPANTI
dr Luigi Pisani d.t. (Casa di Cura Privata del Policlinico MI)
MODERATORI:
dr Stefano Respizzi, dr Cristiano Sconza (Fisiatria Humanitas Rozzano)
INTRODUZIONE
dr Massimo Berruto (Ortopedia G.Pini MI)
Definizione e terminologia, Incidenza e prevalenza Ipotesi eziologiche e patomeccanica, Prognosi
APPROCCIO MEDICO
dr Paolo Ferrua MI (Ortopedia G.Pini) 
Diagnosi differenziale, Imaging, 
Terapia farmacologica, Chirurgia
APPROCCIO FISIOTERAPICO Valutazione
ft Alessandro Elia (AZIMUT riabilitazione MI) Ananmnesi, Valutazione Funzionale
Fattori psicosociali, Misure di Outcome
Trattamento conservativo e trattamento post chirurgico ft Alessandro Priolisi (AZIMUT riabilitazione MI) 
Storia del trattamento e nuove prove di efficacia Terapia manuale, Esercizio terapeutico, Educazione Controllo del carico, Terapie fisiche
DISCUSSIONE
ore 20:00 Aperitivo insieme
L'ingresso all'evento, dedicato a professionisti del settore, è gratuito,  previa iscrizione presso Ufficio Formazione Casa di Cura Privata del Policlinico - Milano (02 48593517 - a.marturano@ccppdezza.it).

 

...
News

Milco Zanazzo racconta il 7° Congresso Nazionale SIGASCOT

Lo scorso 5 ottobre il nostro Fisioterapista Milco Zanazzo ha partecipato al 7° Congresso Nazionale SIGASCOT. Abbiamo deciso di intervistarlo per farci raccontare l'esperienza.

Sei membro del Comitato Riabilitazione da quando questo è stato costituito. 
Quali opportunità e impegni ti si sono presentati in questi anni?

 
Vero, da ormai 5 anni faccio parte di questo Comitato con Medici Fisiatri ed altri fisioterapisti di un po' tutta Italia. Ci occupiamo di diffondere cultura riabilitativa tra i colleghi con l'organizzazione di corsi e convegni oltre che con la pubblicazione di monografie ed articoli di argomento fisioterapico.
A Bologna ho moderato una sessione di comunicazioni libere.

Quali tematiche ha toccato il Congresso?
Sono state affrontate la chirurgia e riabilitazione di tutte le patologie ed i distretti articolari del corpo umano, in particolare nella sessione riabilitazione il trattamento dell'inibizione artrogenica.
 
Il prossimo impegno?

Il prossimo Congresso Nazionale si terrà a Roma nel 2020. Ma prima di questa data ci sono tanti altri impegni. A cominciare da mercoledì  21 novembre, dove abbiamo organizzato un Rehab Spritz presso la Casa di Cura Privata del Policlinico di Milano, sarà un appuntamento breve sul trattamento della patologia femoro-rotulea dove ci confronteremo con alcuni ortopedici meneghini sul trattamento conservativo e post-chirurgico. 

...
News

TENS: funzionamento e possibili applicazioni

TENS è l'acronimo di TransCutaneous Electrical Nerve Stimulation, ossia stimolazione elettrica nervosa transcutanea. Si tratta di una terapia fisica utilizzata soprattutto per controllare alcune condizioni dolorose acute o croniche e che consiste nell'applicazione sulla cute di lievi impulsi elettrici, capaci di attivare fibre nervose di grosso diametro riducendo la percezione del dolore. 
Come funziona la TENS? 
Si parla di stimolazione elettrica perché effettivamente c'è un passaggio di corrente elettrica a bassa tensione attraverso la pelle al fine di stimolare alcune specifiche fibre nervose. Si tratta di impulsi indolori che dal paziente vengono percepiti come se si trattasse di un leggero formicolio. 
Quali sono le possibili applicazioni della TENS? 
Può essere utilizzata in una varietà di contesti clinici per il trattamento di diverse condizioni associate a dolore acuto e cronico. Nel corso degli anni la TENS è diventata popolare sia tra i pazienti che tra gli operatori sanitari, come complemento nel trattamento di numerose patologie anche se sembra, le più diffuse indicazioni e la miglior efficacia si riscontri nel trattamento delle radicolopatie

 

...
News

Uso terapeutico del caldo e del freddo

In caso di dolore meglio il caldo o il freddo? Dipende dalla causa del dolore. L'energia termica è sempre stata utilizzata dagli antichi come rimedio al dolore. Partiamo dal presupposto che il calore favorisce la vasodilatazione ossia genera un maggior afflusso di sangue e quindi favorisce il trasporto di ossigeno. Al contrario il freddo genera vasocostrizione, dunque riduce il microcircolo sanguigno.

Quando usare il freddo?
Sicuramente dopo un trauma da caduta o urto: in presenza di uno strappo muscolare, nel caso di una distorsione di caviglia o ginocchio. In ogni caso in cui è necessario ridurre il versamento o l’ematoma del trauma acuto e in caso di edemi. Inoltre in linea generale l'applicazione del ghiaccio è utile quando si presenta una forte infiammazione, ma deve essere tempestiva.

In quali casi è più indicato il calore?
Passato il dolore acuto dell'infiammazione, si può usare il caldo. Dunque, quando non vi è più calore, gonfiore o rossore. Il caldo agisce contro i dolori aumentando il flusso sanguigno nella zona interessata dal trauma favorendo così l’eliminazione delle scorie accumulate nei tessuti e favorendo l'apporto di sostanze riparatrici. Inoltre, accelera tutte le reazioni biochimiche dell’organismo e aumenta l’ossigenazione e il trasporto di nutrienti a livello dei tessuti.

Questo si traduce in un incremento del metabolismo a livello della parte trattata e una conseguente riduzione del dolore. Nello specifico il caldo è utile per contratture, artrosi, dolore cronico, insufficienza circolatoria e rigidità muscolare.

...
News

Il nostro Fisioterapista Federico Sonnati spiega la Sindrome Femoro-Rotulea

La Sindrome Femoro-Rotulea è una patologia che viene diagnosticata frequentemente ai giovani atleti in caso di dolore al ginocchio anche in assenza di traumi rilevanti. Andiamo a capire meglio cosa si intende con tale diagnosi e quali possono essere le soluzioni con il nostro Fisioterapista Federico Sonnati.

Cosa si intende esattamente con “Sindrome Femoro-Rotulea”?

Questa definizione indica una condizione patologica che colpisce il ginocchio con forti dolori in zona anteriore, interna o posteriore all’articolazione durante le attività sportive e/o di vita quotidiana. Quando si ha questa diagnosi significa che la causa del dolore è un conflitto della rotula con il femore sopra a cui dovrebbe, normalmente, scorrere senza attriti rilevanti. Tuttavia esistono una serie di cause per cui questo scorrimento può alterarsi e generare dolore invalidante. Per questo motivo tale situazione è definita ‘sindrome’, in inglese Patello-femoral Pain Syndrome (PFPS): è un complesso di sintomi che possono essere provocati dalle cause più diverse.

Quali sono le cause?

Esistono molteplici fattori a carico dell’arto inferiore che possono alterare la meccanica del ginocchio: squilibri muscolari quali accorciamenti o debolezze, rigidità del piede o dell’anca, alterazioni posturali, alterata coordinazione dei movimenti e molte altre possibili componenti riguardanti tutto l’arto che devono essere indagate. La condizione fondamentale per la guarigione risiede dunque nella precisa individuazione delle predisposizioni anatomiche e di movimento che causano l’alterata funzione della rotula. Tale valutazione deve essere effettuata dall’équipe riabilitativa, cioè dal fisiatra e dal fisioterapista, in maniera congiunta.

Qual è il percorso terapico corretto?

Il fisioterapista, dopo aver individuato i fattori individuali (predisposizione anatomica, schemi di movimento) ed ambientali (allenamenti eccessivi, posizioni prolungate, gesti ripetitivi) che hanno portato allo squilibrio del movimento rotuleo, ha il compito di perseguire gli obiettivi di risoluzione del dolore, riequilibrare le componenti del movimento e prevenire ricadute.
Per questo egli andrà a trattare manualmente eventuali restrizioni di movimento articolari di piede/ginocchio/anca (nel caso della PFPS è comune riscontrare una limitazione nella rotazione dell’anca o della rotazione della tibia rispetto al femore) e restrizioni mio-fasciali, quali accorciamenti di adduttori e flessori di coscia.
La parte fondamentale del piano terapeutico è il riequilibrio della muscolatura: non bisogna considerare la PFPS come un’alterazione del movimento della rotula rispetto al femore, ma anche del femore rispetto alla rotula. Bisogna dunque riequilibrare la forza non solo dei muscoli che agiscono sulla rotula, rinforzando dunque il quadricipite in tutte le sue parti, ma anche dei muscoli della coscia: in particolare, bisogna ripristinare il giusto rapporto quadricipite-flessori e ricondizionare la muscolatura dell’anca, con particolare attenzione a glutei e rotatori.
Dopo aver risolto la sintomatologia dolorosa è importante proseguire temporaneamente il programma di rinforzo per evitare il riproporsi del problema ed è possibile ricominciare gradualmente le proprie attività.

Esistono tuttavia situazioni in cui la conformazione anatomica del paziente rende insufficiente un approccio conservativo, come nei casi più gravi di forti instabilità/lesioni legamentose della rotula o conformazioni particolare del femore e della tibia. In questi casi può essere valutato un approccio chirurgico da parte dell’ortopedico che può intervenire con un ritensionamento della capsula o ricostruzione legamentosa , per quanto possibile, sulla conformazione ossea.

...
News

Riatletizzazione: in cosa consiste e perché è importante

Abbiamo intervistato Matteo Cossavella, Chinesiologo Azimut, sulla riatletizzazione e sul perché va inserita nel processo di recupero. 

Cosa si intende per riatletizzazione?

Per riatletizzazione si intende la fase terminale del percorso di recupero funzionale di un atleta in seguito a un infortunio. È un concetto di recente introduzione che va a completare il processo riabilitativo.

Perché inserire la riatletizzazione?

Perché il processo di recupero non può terminare con quello riabilitativo, ma necessita obbligatoriamente di un avvicinamento all’attività sportiva specifica.  È fondamentale la collaborazione con lo staff sanitario per il passaggio di consegne.

Come viene strutturato un programma di riatletizzazione?


- test di valutazione inizio programma - intermedi - fine programma
- sviluppo capacità condizionali e coordinative
- sviluppo core stability
- prevenzione eventuali re-infortunio

Struttura della programmazione:

- P.P.G. (periodo di preparazione generale): periodo caratterizzato da esercitazioni
aspecifiche che non vanno a riprodurre il gesto sportivo, ma sono improntate allo
sviluppo di forza - ipertrofia, capacità propriocettive e coordinative di base. Test di
valutazione di base.
- P.P.S. (periodo di preparazione specifica): periodo caratterizzato da esercitazioni
specifiche del gesto sportivo, con particolare attenzione al controllo della forza e
l’aspetto coordinativo durante la ripetizione del movimento. Test di valutazione intermedi.
- P.C. (periodo competitivo): ripresa completa dell’attività agonistica con test di valutazione
finali. eventuali controlli periodici.

...
News

MAT e riabilitazione sportiva

In cosa consiste il MAT? Quando è utile e come si svolge il programma riabilitativo?
Federico Bristot, Fisioterapista Azimut, ha sviluppato il tema con articolo pubblicato su Sport e Medicina. Condividiamo con voi i punti salienti. 

Cos'è il MAT e quando viene impiegato? 

"Negli utlimi decenni l'utilizzo dell'innesto di menisco da donatore ha riportato una notevole evoluzione sul piano della tecnica chirurgica e delle indicazioni terapeutiche. In casi selezionati il MAT (meniscal allograft transplantation) rappresenta l'unica opzione per tentare di rallentare il processo di degenerazione artrosica in pazienti che hanno subito una meniscectomia sub-totale o totale. Le statistiche internazionali evidenziano un maggiore impiego nell'ultima decade rispetto alla precedente, con un'incidenza superiore nel sesso maschile rispetto al femminile, nella fascia di età compresa tra i 25 e i 35 anni. Le revisioni della letteratura concordano che l'indicazione principale per il trattamento dei sintomi per sovraccarico compartimentale in seguito meniscectomia, è relativa a soggetti giovani, in assenza di danni cartilaginei severi, con buona stabilità legamentosa e un allineamento articolare"

Ci sarà un ricorso più esteso al MAT?

"Considerando i risultati incoraggianti (l'indice di soddisfazione è superiore all'80%), è presumibile che nei prossimi anni si possa segnalare una crescita e un utilizzo di questa procedura ad un'ampia gamma di pazienti, seguendo una direzione di orientamento terapeutico che si avvicina sempre più alla salvaguardia e al rispetto della fisiologia articolare"

Come si svolge?

"I menischi sono prelevati da donatore deceduto e conservati in vere e proprie banche del tessuto muscoloscheletrico. Per questo genere di trapianti non è necessaria una terapia immunosoppressiva ed il rischio di infezione è praticamente nullo. La metodica più comune per la corretta taglia dell'innesto è la pianificazione attraverso immagini radiologiche (sia con rx che rmn) in cui vengono calcolate le dimensioni in larghezza lunghezza e altezza. I grafi, precedentemente criopreservati, vengono fissati con differenti tecniche, i pochi studi di comparazione effettuati non hanno dimostrato l'outcome migliorativo di una tecnica di fissaggio rispetto ad un'altra. Saranno indispensabili altri studi di alta qualità per identificare le differenze tra le diverse tecniche chirurgiche e per accertarsi dell'effetto condroprotettore del MAT".

Quali sono i vantaggi del MAT?

"Le evidenze scientifiche concordano nel dire che:
-il MAT migliora i sintomi, la funzione e la qualità di vita anche dai 7 e 14 anni di
follow up
-il ritorno alla sport allo stesso livello è presente nel 75-85% del pazienti nel breve e
medio-termine
-in associazione a procedure sulla cartilagine e di ricostruzione legamentosa, l'innesto con MAT non peggiora l'outcome finale"
Quanto è importante la riabilitazione e come deve svolgersi?
"Il programma riabilitativo deve prevedere un progetto accurato e basato sui protocolli
più aggiornati. Il rispetto delle indicazioni e dei criteri di passaggio da una fase
a quella successiva è fondamentale per l'integrazione del trapianto e per la buona
riuscita del recupero funzionale"

Quali sono i comportamenti da evitare?

"Per 6 mesi si consiglia di evitare le attività con forze di taglio, rotazioni e i cambi di
direzioni
Per 6 mesi non occorre forzare la flessione oltre i 120°
Per 5 mesi sono sconsigliate: resistenze laterali, resistenze eccessive con macchine isotoniche, isocinetiche, isoinerziali"

Quando si torna all'attività sportiva?

"I criteri di rientro per lo sport rimangono quelli validi e riconosciuti dalla comunità scientifica per la: funzionalità del ginocchio, a 6 mesi viene normalmente effettuato un controllo in risonanza magnetica. Il retum to play viene accordato tra chirurgo e rieducatore, normalmente non prima dei 9 mesi"

 

...
News

Ginnastica correttiva: intervista a Chiara Minetto, Fisioterapista Azimut

Cos'è la ginnastica correttiva, quali sono le indicazioni e come si svolge una nostra seduta?
Ce lo racconta Chiara Minetto, Fisioterapista Azimut nella sede di Biella.

Cosa si intende per ginnastica correttiva?
Normalmente per ginnastica correttiva si intende il trattamento indirizzato all’età evolutiva, cioè dall’infanzia all’adolescenza, fase in cui si possono manifestare problematiche a carico della colonna vertebrale e degli arti legate all’accrescimento. 

Quando è indicata la ginnastica correttiva? 
La ginnastica correttiva trova indicazione nel trattamento degli atteggiamenti posturali scorretti o delle reali modificazioni strutturali della colonna, come scoliosi, ipercifosi dorsale o iperlordosi lombare. Oppure di altri distretti corporei, come il piede piatto o il valgismo di ginocchia.

Come funziona l'organizzazione nel centro Azimut?
La nostra presa in carico passa attraverso una visita medica iniziale, in cui il nostro Fisiatra inquadra la problematica dal punto di vista medico oppure formula la cartella riabilitativa su indicazione di un medico specialistica che ha inviato il paziente da noi. Segue poi una seduta individuale in cui un nostro fisioterapista imposta il lavoro in modo personalizzato sul soggetto, per poi proseguire il lavoro in un contesto di gruppo con altri bambini o ragazzi.

Come si svolge una seduta di ginnastica correttiva in Azimut?
Nelle sedute i bambini/ragazzi lavorano sulla propria correzione posturale con questi obiettivi: la presa di coscienza del corpo,  la mobilizzazione e il rinforzo muscolare di esso. Chiaramente a questo si affiancano proposte di lavoro indirizzate in modo specifico alla loro problematica strutturale e adeguate all’età del soggetto.

...
News

Kinesio Tape: funzionamento e applicazione

 

Cos’è il Kinesio Tape? L’abbiamo visto su Mario Balotelli dopo il gol alla Germania nel 2012. Quali sono i principi di funzionamento dei ‘cerotti colorati’ che vediamo spesso applicati ad atleti di alto livello? Il nostro Fisioterapista Federico Sonnati ci aiuterà a conoscere meglio questo diffuso strumento fisioterapico, le cui applicazioni spaziano dalla rieducazione alla prestazione sportiva.


Il Kinesio Tape è un nastro di cotone elasticizzato e adesivo, dalle proprietà fisiche simili alla cute. La sua particolarità risiede nel fatto che non rilascia alcun farmaco, infatti il suo effetto è meccanico e dipende dal tipo di applicazione. 
Viene applicato direttamente sulla cute, secondo precisi criteri scelti dal terapista in base al quadro del paziente. Date le proprietà del tessuto utilizzato, il nastro può essere apposto pressoché in ogni regione del corpo, può essere sagomato per ottenere strisce di larghezze diverse e può essere applicato con gradi di tensione diverse, sfruttando quindi le proprietà del suo ritorno elastico.


A seconda dell’applicazione scelta il tape può svolgere diverse funzioni:
1. Con l’applicazione in tensione, il nastro sostiene l’articolazione, aumenta la propriocezione del distretto interessato e sostiene il muscolo nel suo movimento. La sensazione di tensione che il tape suscita gli permette di svolgere una funzione posturale, indicando inconsciamente al paziente la corretta posizione da mantenere, sia essa un’attività statica o dinamica. Il tape in tensione è utilizzato nello sport o nelle patologie che prevedano problemi di coordinazione/posturali in cui un rapido sostegno delle articolazioni può dare beneficio.
2. Con l’applicazione in detensione, il nastro crea delle circonvoluzioni sulla cute, aumentando lo spazio tra pelle e strati sottocutanei: tale fenomeno permette un maggiore scambio di liquidi ed assicurando un continuo massaggio alla muscolatura sottostante al cerotto. Il tape in detensione è utilizzato in riabilitazione per: accelerare i processi di guarigione del corpo, ove vi siano problematiche muscolari (contratture, stiramenti) e per velocizzare il riassorbimento di edemi, ematomi e sostanze pro-infiammatorie a seguito di lesioni, traumi o interventi chirurgici.


Il vantaggio del Tape è dato dall’assenza di controindicazioni e dal supporto che può fornire per più giorni in maniera continuativa. Chiaramente esso rappresenta solo uno degli strumenti a disposizione del Fisioterapista e deve essere applicato secondo precise linee guida da personale specificatamente formato. Con la giusta preparazione, esso può essere un valido alleato dei fisioterapisti per il buon recupero di pazienti ortopedici e sportivi.

...
News

La pubalgia nello sportivo. Intervista al nostro Fisioterapista Federico Sonnati

Cos’è la pubalgia? Come si affronta? Come mai è una patologia così ostica da affrontare? Cerchiamo di approfondire questi ed altri aspetti di questo diffuso problema con il nostro fisioterapista Federico Sonnati.

Cosa si intende esattamente con pubalgia?
Con questo nome si identifica un insieme di sintomi a livello inguinale e pubico che possono avere origini di vario tipo.
È di per sé un termine fuorviante: non identifica nessuna patologia e sotto questo nome vengono raggruppati quadri clinici diversi quando non è ancora stata effettuata una diagnosi più specifica. È proprio il corretto inquadramento clinico il primo obiettivo della nostra équipe, tassello fondamentale per una corretta guarigione.
Qual è dunque il corretto iter per combattere questi sintomi?
Il primo passo è effettuare una visita fisiatrica. Il medico deve escludere patologie più importanti a carico di ossa e addome (ernie inguinali, osteomi) e identificare se l’origine dei sintomi sia di tipo articolare, a livello dell’anca, o di tipo tendinea, nelle inserzioni di addominali e adduttori. Quest’ultima tipologia di problema è quello che colpisce maggiormente i pazienti sportivi e rientra sotto il termine di sindrome retto-adduttoria.
Dopodiché spetta al fisioterapista, in base all’origine dei problemi, ri-valutare il paziente sotto una diversa ottica, per individuare quale tipo di predisposizione, di sovraccarico o di alterazione dei movimenti abbia causato lo squilibrio responsabile del dolore, di modo da procedere con le corrette terapie.
Nella sindrome retto-adduttoria si manifestano dolori intensi nella zona pubica sia durante lo sport che a riposo, il dolore è dovuto al sovraccarico del tendine (il tessuto che collega il muscolo all’osso) quando subisce sollecitazioni eccessive. In questo caso il terapista ha il compito di capire come mai durante determinati gesti sportivi alcuni gruppi muscolo-tendinei si sforzino più di altri al punto di arrivare a una situazione patologica. Spesso il problema è causato da un insieme di debolezze di altri gruppi muscolari, rigidità fasciali e articolari, schemi di movimento scorretti rispetto al gesto da effettuare.
Si possono effettuare terapie fisiche per arrestare il processo patologico del tendine e tecniche manuali per restituire la mobilità articolare. Ma l’aspetto principale spesso è il corretto esercizio terapeutico capace di restituire forza, controllo e coordinazione ai segmenti interessati, oltre che ricondizionare i tessuti eccessivamente sollecitati perché non in grado di accettare la quantità di carico richiesta.
Come mai non tutti gli atleti rientrano all’attività con tempi lunghi o senza aver risolto il proprio problema?
La problematica principale nella pubalgia è il corretto inquadramento del paziente e del suo problema. Senza la corretta diagnosi è difficile guarire e spesso la complessità delle patologie sfugge al team medico che, non individuando la causa, cerca di guarire solo i sintomi. Il nostro obiettivo è dunque di approfondire con attenzione l’aspetto valutativo e l’esercizio per risolvere il problema alla radice, senza voler solo spegnere il dolore.

...
News

Le Olimpiadi e il triplete: Federico Bristot racconta la sua avventura con le azzurre

Di ritorno dalla Coppa del Mondo e dalle Olimpiadi siamo riusciti a intervistare il nostro Fisioterapista e Osteopata Federico Bristot che segue le azzurre da ormai tre anni, per la precisione dal Marzo 2015. Racconta di aver portato a casa dalla Corea il ricordo di un popolo della gentilezza fuori dal comune.

- Da quanto tempo lavori in Azimut e cosa porterai indietro di quest'avventura da spendere nel centro?

Dal 2004 a Milano, poi sono tornato a Biella dopo 3 anni. Della sede di Milano ho carissimi ricordi di tutto lo staff. Sono tutti cari amici.
Vorrei portare in Azimut una metodologia innovativa sul trattamento degli sportivi. Ho un progetto sportivo che sto completando e che si basa sull'esperienza con la nazionale di Bob, ma soprattutto con la Nazionale di Sci. Sono stati 3 anni intensi e vorrei riportare questa metodologia di trattamento vincente a Biella.

 

- Coppa del Mondo e Olimpiadi. Per le atlete esiste una differenza in termini di tempi, impegno e preparazione atletica?

Di base, sul generale la Coppa del Mondo è una giostra che non smette mai di girare, ci sono trasferte continue e in base alle condizioni meteo il programma può essere stravolto e riorganizzato. Quindi, anche dal punto di vista professionale c'è una cura del dettaglio e una particolare attenzione dal punto di vista energetico perché bisogna arrivare alle scadenze in condizioni ottimali. I trattamenti sono quotidiani e rientrano nella loro routine di lavoro, si inizia al mattino, poi c'è la preparazione atletica e poi i trattamenti osteopatici. E qui si inseriscono le mie attività che nello specifico è il trattamento pre-gara che è stipulato grazie a questa continuità.
Bisogna considerare che le gare di Coppa del Mondo sono 40 forse anche di più. 
Ho seguito praticamente tutte le discipline, dall'area della velocità - Discesa Libera, Super G e Combinata - e tutte le discipline tecniche, ossia il Gigante e lo Slalom Speciale. Questo perché è la squadra delle polivalenti, sono ragazze che praticano tutte le discipline. Questa è una selezione della nazionale e per questo hanno creato uno staff dedicato per seguirle sempre che si compone da me in qualità di Fisioterapista e Osteopata, due preparatori atletici, un direttore tecnico e  tre allenatori. Questo staff segue la squadra composta dalle nostre azzurre: Sofia Goggia, Federica Brignone, Nadia Fanchini, Elena Curtoni, Marta Bassino e Francesca Marsaglia.
Tornando alla differenza tra Coppa del Mondo e Olimpiadi, beh l'Olimpiade è una bolla di energia e adrenalina con queste gare molto secche. Se nella Coppa del Mondo ci sono le trasferte, ma anche una routine e delle cadenze, nelle Olimpiadi c'è solo l'obiettivo principale. Ancora di più c'è la cura del dettaglio. Non c'è una grossa differenza a livello di esercizi e di trattamenti, anche perché chiarito il focus tutto viene di conseguenza. È ovvio che c'è da gestire molta tensione e adrenalina. Cambia il modo di viverla e le emozioni in gioco.

- Quali sono stati i momenti più coinvolgenti di quest'esperienza?

Il triplete di Bad è stata un'emozione unica. È stata una giornata incredibile perché è come se ci fosse stato qualcosa nell'aria. Sentivi che c'era quest'organizzazione perfetta, perché poi penso che alla base di tutto ci sia una squadra composta da persone di grande professionalità e dotate spirito agonistico quanto le atlete. Sembra banale dirlo è stato come quando suona un'orchestra. Un'orchestrazione meravigliosa e perfetta da parte dei tecnici sulle linee da seguire, da parte degli allenatori in pista e tutto il lavoro fatto in precedenza sulla salute, di mia competenza, si è rivelato efficace. Qui si lavora sempre molto insieme, assisto anche agli allenamenti e loro vengono a chiedermi i trattamenti. 
Poi è scoppiato questo risultato straordinario che ci ha fatto commuovere. Questo è successo per Sofia, per Federica. Ma anche per Nadia se consideriamo che usciva da un infortunio e che quest'estate è stata seguita da me in Azimut nel suo percorso di riabilitazione. È stata grandiosa. 
C'è da dire che poi, anche se si tratta di uno sport individuale, quando arriva il risultato di squadra è una gioia perché comunque si vive in una squadra, ci sono degli equilibri e la mia funzione è quella di far raggiungere a tutte le migliori condizioni di salute.
Quindi quando arrivano questi risultati la soddisfazione è enorme. Le medaglie non ti nascondo che siano state una grande emozione, sono la concretizzazione del buon lavoro fatto. Siamo andati lì per vincere e abbiamo vinto.


- Com'è il rapporto con questa squadra di donne da record?

Sono rapporti stretti che appunto si sviluppano in ambienti piccoli, ma se hai la capacità di leggerli con sensibilità, ascoltare, interagire e rispettare i ruoli entri a far parte di un gruppo unito.
Il rapporto umano è molto diretto e realista come lo sono lo sport e la montagna del resto. 
C'è tutto un gruppo che lavora da anni, abbiamo atlete fortissime e ci sono i giovani che stanno crescendo. Dunque bisogna fare molta prevenzione e attenzione perché si tratta di uno sport in cui l'incidenza degli infortuni è altissima e quindi c'è molto da fare. 
Però è bello perché si è insieme, pur trattandosi di uno sport individuale, e puoi lavorare molto sulla motivazione. Vedo le azzurre dalla colazione alla buonanotte, chiaramente ognuno con ruoli molto chiari.

...