News _

Migliorare l’allenamento e il ritorno allo sport con Kinesis® One, il macchinario di Technogym

Kinesis® One è un attrezzo isotonico dotato di un sistema di cavi che permette traiettorie di movimento completamente libere, con la possibilità di praticare un allenamento funzionale e personalizzabile che coinvolge tutte le catene cinetiche del corpo. 

Come funziona

Con Kinesis® One il focus è sulla qualità del movimento, invece che sulla quantità. 
Il paziente diventa il centro dell’esercizio e su di esso si personalizza ogni sequenza, tenendo in considerazione necessità, caratteristiche e obiettivi da raggiungere.

Proprio grazie alla libertà di movimento, si pone l’attenzione su come vengono eseguiti gli esercizi proposti e sui gesti motori praticati. In questo modo, grazie ad un sovraccarico sempre presente, si può intervenire sulla qualità del movimento con l’obiettivo di renderlo più fluido e redditizio per il proprio benessere generale.

L’importanza del core

Una delle basi dell’allenamento funzionale è la core stability (o stabilità del core), che ha l’obiettivo di rendere efficiente e performante il centro di forza del nostro corpo. Un core forte e stabile permette al corpo di sviluppare la massima forza in tutti gli altri distretti muscolari, oltre che ad eseguire i gesti quotidiani e sportivi nel modo più efficiente possibile. 
Con Kinesis® One è possibile ottenere un allenamento sul core ad altissimo livello, in quanto permette l’attivazione in maniera costante durante tutti i movimenti e gli esercizi sviluppati a corpo libero. Questo principio è ulteriormente enfatizzato quando si utilizzano anche superfici e accessori instabili, come fitball e tavolette propriocettive.  

Perché lo abbiamo scelto

Tra i nostri obiettivi c’è la costante attenzione verso il paziente, che prevede anche la possibilità di seguire un programma riabilitativo personalizzato sulle proprie necessità, siano esse sportive o riabilitative. Con questa tecnologia le applicazioni specifiche sono molteplici e, sotto la guida dei professionisti di Azimut Riabilitazione, l’allenamento è attentamente commisurato alle esigenze e capacità funzionali del soggetto.

Photo credits: www.technogym.com 

...
News _

Giornata di formazione in Azimut con Davide Vallesio di FisioSprint

Prosegue la formazione in Azimut Riabilitazione, un percorso iniziato l’anno passato e mirato a continuare anche in futuro. Nel nuovo appuntamento di fine febbraio 2024, il team Azimut ha avuto il piacere di conoscere Davide Vallesio, fisioterapista e docente del gruppo internazionale La clinica del running
In questa intervista parliamo con Moreno Brustia, fisioterapista del Centro, che ci racconta l’esperienza formativa e i temi trattati. 

Buongiorno Moreno, qual è stato il focus dell’incontro?

Con Davide abbiamo trattato le patologie da sovraccarico degli arti inferiori che hanno un’alta incidenza sulla popolazione. Tra le più comuni ricordiamo la tendinopatia achillea e rotulea, la sindrome della bandelletta ileotibiale, la fasciopatia plantare. Si presentano senza particolari condizioni legate al sesso, all’età, al tipo di lavoro svolto o all’attività sportiva praticata, però hanno un elemento che le accomuna: l’alto grado di impairment motorio e dolore, che spesso interferiscono sulle attività di vita quotidiane, lavorative e sportive. 

Le continue ricerche scientifiche sulla gestione di queste patologie permettono ai professionisti sanitari di rimanere aggiornati sulle ultime evidenze e più importanti pubblicazioni. Durante l’incontro con Davide abbiamo fatto proprio questo: abbiamo avuto modo di discutere e aggiornarci sulle ultime novità riguardanti la fisiopatologia, la gestione medica e farmacologica, nonché il trattamento riabilitativo e strumentale per le problematiche più comuni. 

Grazie ai casi clinici analizzati, ci siamo anche confrontati su tecniche di terapia manuale, esercizi terapeutici, nuove linee guida per il trattamento e la gestione delle patologie da sovraccarico. 

Cos’altro è emerso di significativo?

Oltre al confronto su come gestire queste patologie, è emersa l’importanza della gestione conservativa come prima scelta. Cerco di spiegarmi meglio: il corretto inquadramento nella primissima fase diagnostica, nonché la giusta gestione dei carichi e dei fattori “stressanti”, sono fondamentali per non far cronicizzare la patologia e renderla più resiliente ai trattamenti

Altrettanto importante è l’approccio multidisciplinare del paziente da tutti i punti di vista: medico-farmacologico, riabilitativo, psico-sociale, funzionale. Il risultato della giusta e completa gestione del paziente nel progetto riabilitativo è un outcome migliore e una maggiore compliance al trattamento. 

Cosa rimane di questa giornata formativa?

Come i precedenti eventi di formazione interna, la giornata è stata proficua per tutto il team e per il relatore stesso, in un continuo interscambio di idee e conoscenze professionali e personali. Davide stesso, che ringrazio e saluto a nome del team Azimut, è rimasto piacevolmente colpito dalla gestione multidisciplinare che è alla base dell’idea di salute di Azimut: il paziente, in quanto persona, al centro delle nostre attenzioni. 

 

———

 

*Davide Vallesio di FisioSprint si è laureato in Fisioterapia nel 2014 e nel 2016 ha conseguito il Master in Riabilitazione dei Disordini Muscolo Scheletrici presso l’Università di Genova. Dal 2019 si è specializzato in prevenzione e gestione dei disturbi del runner, diventando assistente per l'Italia di The Running Clinic.

 

...
News _

L’analisi biomeccanica della corsa a supporto dei runner

L’analisi specifica della corsa - anche conosciuta come run analysis - è un esame specifico che consiste nello studio e nell’analisi dei parametri più importanti della corsa: tra cui cadenza e tempo di appoggio del piede, lunghezza del passo, carico sugli arti, tempo di volo. 
Grazie a tecnologie avanzate e al team di fisioterapisti Azimut che conduce il test ed esamina i dati, atleti amatoriali e professionisti possono ricevere una valutazione specifica per monitorare e migliorare le performance nella corsa.

L’innovativa tecnologia OPTOGAIT

OPTOGAIT è un sistema per l’analisi della corsa e della camminata che utilizza un approccio oggettivo badandosi sul rilevamento ottico. Si compone delle seguenti strumentazioni: 

  • due barre a led che permettono la misurazione dei parametri con una precisione di 1/1000 di secondo
  • due telecamere ad alta definizione sincronizzate perfettamente con gli eventi rilevati, garantendo una verifica incrociata tra i dati forniti delle barre e le immagini prodotte 
  • un software avanzato per l’analisi e la raccolta dei dati

Tutto il materiale viene poi salvato in un database che permetterà d analizzare i dati raccolti anche in un secondo momento, ad esempio in caso di confronto tra i var test effettuati a distanza di tempo. 

Come si svolge l’analisi della corsa

Il test si svolge su un tapis roulant su cui è montato OPTOGAIT e su cui sono puntate le telecamere. 

Si inizia con una corsa preparativa di 3-4 minuti per prendere confidenza con il sistema e trovare la velocità di corsa consona per effettuare il test. Il test effettivo dura 6 minuti e consiste in una corsa a ritmo medio, durante la quale l’atleta viene monitorato costantemente dal software e dalle telecamere montate sui due lati. 

Al termine dell’esame, i risultati vengono stampati e consegnati all’atleta insieme al video della corsa. Successivamente ci si dedica alla consulenza privata con un fisioterapista specializzato che analizza i dati raccolti e fornisce valutazioni su eventuali problematiche che insorgono durante la corsa o su correzioni da impostare per diminuire il rischio di infortuni

Risultati più completi con il test VAMEVAL 

La VAM è la velocità aerobica massima alla quale il soggetto raggiunge il suo massimo consumo di ossigeno. Questo test è molto utile per stilare un programma di allenamento alla corsa efficace e completamente personalizzato: rispetto all’utilizzo della frequenza cardiaca, infatti, risulta più utile e preciso. 

In questa rilevazione si corre sul tapis roulant con una velocità incrementata periodicamente fino al massimo delle proprie potenzialità. Monitorando e analizzando questo dato è possibile creare una tabella con le soglie di intensità raggiungibili sulle più comuni distanze - 100 m, 200 m, 500 m, 10 km, 20 km etc. - al fine di svolgere un allenamento più consapevole e andando ad integrare l’analisi della corsa precedente. 

Quando è utile la run analysis

Sono numerosi i casi in cui l’analisi della corsa e il test VAMEVAL sono utili: 

  • per chi desidera approcciarsi al mondo del running in modo corretto evitando infortuni
  • post-infortunio in attività sportive che prevedono la corsa, di modo da avere una quantificazione oggettiva delle possibili differenze tra gli arti inferiori secondo i principali parametri della corsa
  • per i runner amatori e professionisti che vogliono migliorare le proprie performance riducendo il rischio di infortuni 

L’analisi della corsa è monitorata da professionisti

In Azimut Riabilitazione i testi sono effettuati e valutati da personale specializzato nella gestione e prevenzione degli infortuni, nonché nella valutazione biomeccanica della corsa. 

Per maggiori informazioni contatta la segreteria Azimut al numero 015 27098

...
News _

I miti da sfatare sulla Sindrome di Down: intervista alla Dottoressa Alessandra Florio

La trisomia 21 è una sindrome genetica causata da un'anomalia cromosomica, ma cosa sappiamo veramente di altro? L'idea di disabilità aleggia sulla Sindrome di Down, ma è un concetto a priori che tende ad oscurare le potenzialità.

Abbiamo intervistato la Dottoressa Alessandra Florio che, in occasione del Mese dedicato alla Sindrome di Down, ci racconta qualche curiosità in merito.

Quante persone interessa e come viene diagnosticata?

Sulla base dei dati forniti dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), si stima che ogni anno nascano dai 3.000 ai 5.000 bambini con Sindrome di Down. Per quanto riguarda l’Italia invece, si stima che ogni anno nasca un bambino con la sindrome ogni 1200 (fonte AIPD).

Oggi la Sindrome di Down può essere individuata prima della nascita con due esami: la villocentesi, da effettuare tra la 12° e la 13° settimana di gravidanza, o l'amniocentesi che si effettua invece, tra la 16° e la 18° settimana di gestazione.

Quante false credenze circolano su questa Sindrome?

Tantissime e infatti, CoorDown - Coordinamento Nazionale Associazioni delle Persone con Sindrome di Down - ha addirittura elaborato un vadenecum per educare su questa condizione genetica.

Può farci degli esempi?

In tanti pensano che le persone con la sindrome di Down non vivano a lungo e si sbagliano perché oggi, queste persone hanno una discreta aspettativa di vita, stimata in un decennio inferiore alla media.

Oppure si pensa che solo le mamme anziane possano avere figli con la sdD: invece c'è solo una maggiore probabilità di incidenza in quanto i nati da madri giovani evidenziano la non corresponsione dell'età avanzata come concausa.

Ancora, si crede che le persone con questa sindrome non possano raggiungere normali obiettivi di vita. È assolutamente falso! Con il giusto supporto è possibile: la stragrande maggioranza delle persone impara a camminare e parlare, in molti frequentano le scuole tradizionali con buoni risultati, possono superare brillantemente le sfide quotidiane, lavorare e ottenere notevoli risultati nello sport. E soprattutto da adulti possono ambire a una vita semi-indipendente.

L'errore più grande che viene commesso è quello di non lasciare che siano loro a dirci di cosa hanno bisogno. Proprio per questo a febbraio 2020 è stata lanciata l'indagine "Ora parlo io!".

Di cosa si tratta e cos'è emerso?

Si tratta di un'indagine online rivolta proprio alle persone con sdD volta ad indagare quali sono i loro reali desideri sui temi del lavoro, della scuola e della vita sociale. Ad esempio per quanto riguarda l'amore è emerso che il 46,5% ha una vita affettiva e oltre il 75% vorrebbe vivere un rapporto amoroso. L’88% di esse pensa che potrebbe sposarsi, ma solo il 66,5% osa esprimere questo desiderio.

Quali sono le potenzialità e le difficoltà per i bambini con sindrome di Down?

Al di là degli aspetti cromosomici, la sindrome provoca un ritardo presente nelle principali funzioni, sia nella fase di sviluppo del bambino sia nell’età adulta.
Tuttavia, è importante sapere che si tratta di un ritardo in parte recuperabile.

L'intervento riabilitativo deve però essere precoce e sistematico con particolare riferimento alle aree linguistiche, motorie e neuropsicologiche.
Lavorare nel recuperare competenze ed abilità è fondamentale per portare la persona a raggiungere capacità operative anche di notevole complessità. È bene sapere che la socializzazione è indispensabile, ma non si sostituisce alla riabilitazione e che dunque, devono essere forniti tutta una serie di servizi in grado di supportare il bambino, il ragazzo e l'adulto nell'acquisizione di abilità personali.

Quali sono i benefici apportati dalla fisioterapia e dall’attività motoria? 

Un’adeguata attività motoria, soprattutto nei primi anni di vita, favorisce uno sviluppo più veloce in linea con la popolazione generale. La logopedia inoltre, rappresenta un valido aiuto per rinforzare la muscolatura della bocca promuovendo l’acquisizione del linguaggio. 

...
News _

Ginnastica correttiva: intervista a Chiara Minetto, Fisioterapista Azimut

Cos'è la ginnastica correttiva, quali sono le indicazioni e come si svolge una nostra seduta? Ce lo racconta Chiara Minetto, Fisioterapista Azimut da molti anni. 

Cosa si intende per ginnastica correttiva?

La ginnastica correttiva è il trattamento indirizzato all’età evolutiva, cioè la fase della vita che va dall’infanzia all’adolescenza, momento in cui si possono manifestare problematiche a carico della colonna vertebrale e degli arti legate alla crescita ossea.

Quando è indicata la ginnastica correttiva? 

La ginnastica correttiva viene prescritta dal medico fisiatra, a seguito di una prima visita specialistica, quando si devono trattare atteggiamenti posturali scorretti o vere modificazioni strutturali della colonna, come scoliosi, ipercifosi dorsale o iperlordosi lombare. Talvolta il problema si manifesta su altri distretti corporei, frequentemente si riscontrano patologie come il piede piatto o il valgismo di ginocchia. 

Come funziona l'organizzazione nel Centro Azimut?

La nostra presa in carico passa attraverso una visita medica iniziale.
Durante la visita il nostro medico fisiatra inquadra la problematica dal punto di vista medico oppure formula la cartella riabilitativa su indicazione di un medico specialistica (spesso un ortopedico che tratta patologie legate all’età evolutiva) che ha inviato il paziente da noi per svolgere la fisioterapia.
Segue poi una seduta individuale in cui un nostro fisioterapista imposta il lavoro in modo personalizzato sul bambino/ragazzo, per poi far sì che prosegua il lavoro in un contesto di gruppo con altri bambini o ragazzi.

Come si svolge una seduta di ginnastica correttiva in Azimut?

Nelle sedute i bambini/ragazzi lavorano sulla propria correzione posturale, andando a svolgere (e ad apprendere, per poi compiere qualche esercizio a casa in autonomia) esercizi che vanno a ripristinare e/o migliorare le giuste curvature della schiena. 

Nei pazienti con problematiche di piede piatto o di valgismo di ginocchia si lavora per correggere gli atteggiamenti scorretti dei piedi e delle ginocchia, con esercizi che hanno il focus su elasticità, forza, coordinazione ed equilibrio.

I soggetti che indossano il corsetto invece svolgono esercizi specifici sia tenendolo indossato sia rimuovendolo, come da indicazione ortopedica.

...
News _

Osteopatia pediatrica: quando può essere utile per il tuo bambino

L’osteopatia pediatrica è una branca dell’osteopatia che si occupa di trattare i bambini sin dai primi giorni di vita, sia per prevenire o risolvere disturbi sia per accompagnarli durante lo sviluppo motorio e posturale.

Osteopatia e bambini: l’approccio 

L’osteopatia pediatrica - specialmente quella neonatale -  fa uso di tecniche delicate, studiate appositamente per il corpo dei piccoli pazienti, che agiscono sul sistema muscolo-scheletrico e viscerale aiutando il bambino a lavorare nella sua migliore condizione.
Questo approccio coinvolge la manipolazione sia per la diagnosi che per il trattamento di problemi biomeccanici che riguardano tutti le parti del corpo. A questo si combina una conoscenza dettagliata dell’anatomia umana, della fisiologia e dei processi patologici, ma anche una profonda conoscenza dei metodi clinici classici e tradizionali. Il fine dell'osteopata è quello di utilizzare queste conoscenze per trattare manualmente i pazienti, anche bambini, promuovendo i meccanismi di auto-guarigione insiti nel corpo.

Il supporto dell’osteopata pediatrico ai neonati

Anche un neonato può aver bisogno di risolvere alcuni disturbi: infatti durante la permanenza nell’addome della madre e durante il parto, il bebè potrebbe riportare piccoli traumi.

L’osteopata pediatrico può essere di supporto in problematiche frequenti, ad esempio:

  • plagiocefalia posizionale, una deformazione del cranio di varia entità
  • torcicollo miogeno, una condizione che porta il bimbo a tenere il capo ruotato verso un lato e dimostra difficoltà a girarlo dall’altro
  • problemi di suzione, in particolare se la mamma riferisce difficoltà di allattamento, ragadi al seno o altre condizioni similari
  • coliche gassose, anche conosciute come coliche infantili, si manifestano nelle prime settimane di vita e comportano un forte stress per il neonato
  • reflusso gasteoesofageo, caratterizzato dalla risalita del latte dallo stomaco e conseguente rigurgito
  • disturbi del sonno.

Il trattamento osteopatico può essere d’aiuto anche nelle problematiche otorinolaringoiatriche - quali sinusiti, otiti, congestione delle vie aeree superiori - favorendo il drenaggio e riequilibrando lo stato dei tessuti interessati.

L’osteopatia in tutte le fasi dell’infanzia

Nei primi anni di vita e in età scolare, il supporto dell’osteopata pediatrico è molto efficace in caso di discinesie posturali, disfunzioni posturali legate all’appoggio del piede, problemi di occlusione dentale e disfunzioni della sfera oculare. Non solo, può anche aiutare il recupero a seguito di un trauma motorio legato ad attività ricreative e sportive che, se non trattate tempestivamente, possono alterare o condizionare il fisiologico processo di crescita.
Lavorando in sinergia con altri professionisti - ad esempio l’ortopedico pediatrico, l’ortodonzista e il logopedista, solo per citarne alcuni - l’osteopata può influire positivamente sulla condizione generale di salute del bambino.

Quando rivolgersi all’osteopata

L’osteopatia pediatrica può essere considerata una terapia preventiva molto efficace. Una valutazione generale fin dai primi giorni di vita è consigliabile per gestire al meglio lo sviluppo psico-motorio durante la crescita.

Cosa aspettarsi da una seduta osteopatica?

In Azimut quando l'osteopata incontra il vostro bambino per la prima volta ha già un quadro completo della situazione grazie alla valutazione effettuata dal fisiatra nel Progetto Riabilitativo.
A questo punto inizierà il vero e proprio trattamento osteopatico che chiaramente è personalizzato sull'individuo in risposta alle problematiche evidenziate.

...